Perché scegliere un Personal Trainer

perchè-secegliere-personal-trainer

Perché scegliere un Personal Trainer?

Tutto quello che bisogna sapere.

Perché scegliere un personal Trainer? In questo articolo parleremo dei casi in cui è importante scegliere un Personal Trainer. Inoltre ti fornirò alcuni suggerimenti in merito a quale scegliere in base a diversi parametri. Un personal trainer è un allenatore o preparatore professionale. In alcuni casi è laureato in scienze motorie. Lavora all’interno di strutture quali palestre come dipendente o socio attivo. A volte questo preparatore è anche proprietario della struttura stessa. In alcuni casi questa figura non è in possesso di un titolo professionale. Posso assicurarti però che questo non influisce sul livello di preparazione. Numerosi coach svolgono questa mansione con umiltà, professionalità e passione. A dire il vero il fattore che influisce sulla loro preparazione non è tanto la qualifica ma la loro esperienza sul campo.

Scegliere un coach personale è un’operazione a volte onerosa. Per questo motivo bisogna analizzare tutte le eventuali soluzioni e procedere ad una scelta accurata. Se sei solamente interessati ai costi, seguite l’articolo correlato. Nei prossimi paragrafi capirai le motivazioni per cui è utile affidarsi ad un preparatore professionale. Per inciso analizzeremo diversi punti in modo da avere ben chiare le idee su quale personal trainer scegliere. Perciò ti invito a seguire attentamente i prossimi paragrafi senza perderti nessun punto.

Perché scegliere un Personal Trainer? 5 validi motivi

Il personal coach è un istruttore in grado di accompagnarti in tutte le fasi pre e post allenamento. In alcuni casi  è fondamentale scegliere quello giusto al fine di raggiungere determinati obiettivi. Non dico che senza una persona valida non si ottengano i risultati sperati. Però una scelta accurata potrebbe farti fare un salto di qualità. Quindi perché sceglierlo?

I motivi possono essere diversi:

  • Potresti esserti appena iscritto. Non conosci gli esercizi, non sai come eseguirli o non hai le idee ben chiare sul da farsi. Potresti aver bisogno di suggerimenti oppure una vera e propria strategia di allenamento.
  • Potresti non avere le idee ben chiare su quali obiettivi raggiungere. Non smetterò mai di ripetere che senza un piano valido in palestra si ottiene ben poco. La maggior parte degli associati si reca in struttura giusto per fare qualcosa. In questi casi ti sconsiglio vivamente di perdere il vostro tempo.
  • Potresti non avere il tempo e gli strumenti per metterti a tavolino e pianificare una strategia. Il personal trainer ti aiuta proprio a questo. Analizza la tua situazione e  prepara schede allenamento idonee al tuo livello. In alcuni casi fornisce diete o consigli alimentari e monitora i tuoi progressi.
  • Potresti in alcuni casi aver bisogno del salto di qualità. Potresti ritrovarti in una fase di stallo con gli allenamenti senza notare alcun miglioramento. In questo caso un coach valido può farti raggiungere i tuoi obiettivi.
  • Potresti non avere la motivazione giusta per affrontare il tuo percorso di crescita. L’allenatore personale si occupa anche di migliorare la tua prestazione. Migliora la qualità di esecuzione degli esercizi e fornisce una maggiore spinta durante l’allenamento.

Come punto finale è opportuno chiedersi quale scegliere. Come avrai notato abbiamo una vasta gamma di allenatori sulla piazza. Ogni palestra conta mediamente 4/5 coach operativi. Se dovessi sceglierne uno su quale punteresti? Ne discuteremo nei prossimi paragrafi. Invito anche gli stessi allenatori nella lettura. Potrebbe essere interessante capire quali sono i criteri di scelta.

Il personal coach: quale scegliere? Cinque punti fondamentali

Il personal trainer è un professionista qualificato. Non è semplice scegliere la persona adatta al genere di obiettivi che si intende raggiungere. In seguito ti ho riportato una lista di quello che un personal trainer “deve e non deve essere”. Ti consiglio di utilizzare l’allenamento di prova gratis che tutte le palestre forniscono ai nuovi iscritti. In questo modo puoi valutare personalmente i punti elencati in seguito.

Un personal coach deve:

  • Essere utile a realizzare i tuoi obiettivi. Deve capire quali sono le tue intenzioni e guidarti verso il successo. Può consigliarti la tipologia di percorso da intraprendere. Però non è suo il compito di condizionare le tue scelte. Deve essere onesto ed elencare i tuoi pregi e difetti. Se non è possibile raggiungere i tuoi obiettivi nel tempo che desideri deve essere onesto e comunicartelo, anche a costo di perderti.
  • Prepararti una scheda personalizzata e non generica. Il personal trainer conosce le tue debolezze e deve orientarti a colmare le lacune. Se si limita a stampare una scheda generica non ha interessi verso i tuoi obiettivi.
  • Accompagnarti in tutte le fasi dell’allenamento, pre-allenamento e post-allenamento. La sua utilità non deve esaurirsi ai soli confini della struttura. Se non è in grado di fornirti consigli alimentari deve darti valide soluzioni alternative (nutrizionisti).
  • Monitorare i tuoi risultati periodicamente. Valutare eventuali modifiche da fare alla scheda allenamento concordato. Registrare i carichi che sollevi e verificare la correttezza dei tempi di riposo durante le ripetizioni.
  • Incentivarti a raggiungere i tuoi obiettivi. In poche parole si deve dare da fare! Deve insistere e persistere. Deve essere da esempio. Mostrarti l’esercizio e fartelo ripetere fino a quando non lo esegui correttamente. Capirai questi punti dal suo livello di insistenza e perfezionismo durante l’allenamento.

Queste sono le ragioni per cui vale la pena farsi seguire da un personal trainer. Capisco che potresti avere delle difficoltà a capire questi punti, specialmente se sei all’inizio del percorso. Però con un briciolo di intuito sono sicuro che sarai in grado di fare una tua valutazione approssimativa. Nei prossimi paragrafi vedremo quello che, a mio parare, un coach non deve assolutamente fare.

Il personal coach: quale evitare?

Un preparatore personale non deve:

  • Agire in pieno egoismo nelle sue scelte, tralasciando i tuoi reali obiettivi personali.
  • Stampare una scheda allenamento generica dandoti consigli approssimativi sull’esecuzione degli esercizi.
  • Ignorare il monitoraggio dei progressi del proprio allievo. Giudicare i tuoi progressi “ad occhio” senza avere dei numeri a confronto.
  • Fornirti un cattivo esempio. Il personal trainer deve essere il primo a mostrare i risultati dei suoi insegnamenti. Non può tralasciare questo aspetto.
  • Ignorarti mentre esegui gli esercizi. Posso assicurarti che purtroppo è una pratica molto ricorrente. Ho visto trainer che, nonostante fossero a conoscenza degli errori, si limitavano a far eseguire gli esercizi. Semplicemente si occupavano  di tenere il conto delle ripetizioni eseguite. Non ti serve pagare una persona che conta fino a dieci.
  • Parlare a vanvera dando lunghe spiegazioni poco significanti a chi non è del mestiere. Ti invito ad evitare il classico filosofo teorico. Per imparare devi agire, allenarti e ripetere l’esecuzione per perfezionarti.

Considerazioni finali

Concludendo, se posso darti un ultimo consiglio ti suggerisco di seguire il tuo stomaco. Cosa ti dice l’istinto? E’ una persona affidabile e interessata a seguirti o no? E’ importante scegliere il giusto personal trainer. Stiamo affidando i nostri obiettivi e soldi nelle mani di una persona. Spero di non essere stato offensivo nei confronti di nessuno ma ci tengo veramente alla causa. A loro difesa posso assicurarti che i tuoi risultati dipenderanno per la maggior parte dal tuo impegno e dedizione. Quindi scegli con cura e datti da fare!

1 commento su “Perché scegliere un Personal Trainer

  1. Pingback: Costo dei Personal Trainer: guida di come risparmiare! | Alimentazione, allenamento ed esercizi per i muscoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *